Home Viaggi 10 Famosi Vigneti Dalla Romania

10 Famosi Vigneti Dalla Romania

0
10 Famosi Vigneti Dalla Romania
lush wine grapes clusters hanging on the vine.

La storia della coltivazione della vite sul territorio del nostro paese risale ai tempi antichi. Gli orticoltori parlano di un tipo di vite selvatica che i nostri antenati utilizzavano già nel 7000 a.C., mentre 6000 anni fa, sul territorio attuale della Romania, erano già presenti varietà nobili di vite.

Come si sono evolute le coltivazioni di vite da noi nel corso del tempo?

Come si sono evolute le coltivazioni di vite da noi nel corso del tempo?

Seguendo le testimonianze storiche, il poeta Ovidio (43 a.C. – 17 d.C.), che fu esiliato dall’imperatore Ottaviano Augusto sul territorio attuale di Costanza, ha menzionato nell sue annotazioni l’importanza del vino per i Daci.

Gli orticoltori affermano che la produzione di vino e le varietà di vite dei Daci hanno beneficiato di un “upgrade” con l’arrivo dei Romani. Nel 106 a.C., l’imperatore Traiano conquista la Dacia, periodo in cui la viticoltura sul territorio attuale del nostro paese si sviluppa, con l’imposizione di nuove varietà di vite e tecniche moderne di coltivazione da parte dei Romani.

La viticoltura è rimasta un’attività fiorente anche dopo il ritiro romano nel 207 d.C. e ha continuato a svilupparsi anche durante l’occupazione ottomana.

Da allora, nel corso del tempo, le superfici coltivate a vite in Romania sono cresciute costantemente, anche se nel corso degli anni si sono dovute affrontare diverse problematiche naturali.

Nel 1883, la Romania aveva 150.000 ettari di vite, mentre nel 1900, nonostante tutta l’Europa si trovasse di fronte a un’invansione di insetti (fillossera) che distrussero anche i vigneti della Romania, il nostro paese aveva ancora 152.000 ettari coltivati a vite.

È importante sapere che dopo gli insetti che hanno colpito i vigneti romeni, le viti della nostra terra hanno beneficiato dell’aiuto di specialisti francesi, che hanno portato varietà straniere come il Pinot Noir, lo Chardonnay, il Cabernet Sauvignon, il Merlot o il Sauvignon Blanc.

Purtroppo, una volta al potere, i comunisti decisero di eliminare le varietà straniere di vite e le colture, che durante il periodo interbellico avevano raggiunto oltre 220.000 ettari, furono notevolmente colpite.

Le zone viticole e le vigne della Romania

Le zone viticole e le vigne della Romania

La coltivazione della vite in Romania è suddivisa territorialmente in tre grandi zone viticole: l’intracarpatica, la pericarpatica e la danubiano-pontica. All’interno di queste zone viticole ci sono 10 regioni vinicole, che si caratterizzano per condizioni specifiche di clima, suolo e relief, per varietà coltivate, metodi di coltivazione e procedimenti di vinificazione utilizzati.

Tra le regioni vinicole più importanti citiamo: la regione vinicola del Transilvania, la regione vinicola del Podiș Moldovei, la regione vinicola del Piemonte della Curvatura dei Carpazi, la regione vinicola delle colline e delle pianure del Banato, la regione vinicola delle colline e delle pianure del Crișana e del Maramureș, la regione vinicola del Podiș Dobrogei.

A loro volta, le 10 regioni vinicole comprendono 39 vigne, alcune delle quali hanno solo potenziale naturale, altre sono presenti sul mercato.

È importante non confondere la vigna con il produttore di vino: in una vigna possono esserci più produttori e un produttore può avere più vigne.

Vigne famose della Romania

Vigne famose della Romania
  1. Cotnari

Cotnari è una importante zona vitivinicola della Romania, famosa per la Grasa di Cotnari, un tipo di vino prodotto già durante il regno di Ștefan cel Mare (1457 – 1504). La Grasa di Cotnari è un vino bianco botrytizzato, ad alto contenuto di zucchero, che può arrivare fino a 300 g/l.

La zona vitivinicola si estende su una superficie di oltre 1750 ettari, di proprietà del produttore di vini Cornari, e gran parte della produzione è destinata all’esportazione, in Europa ma anche in paesi come gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, la Russia e la Cina.

Oltre alla Grasa di Cotnari, la zona vitivinicola di Cotnari ha anche le varietà di uva Tămâioasă Românească, Fetească Albă e Frâncușă, Busuioacă de Bohotin.

  1. Odobești

La zona vitivinicola di Odobești si estende sui territori dei comuni di Bolotești, Jariștea e Odobești, ed è composta da circa 7.000 ettari. È una delle zone vitivinicole più famose e antiche della Romania, le prime menzioni documentarie sulla zona vitivinicola di Odobești risalgono al XVII secolo.

La varietà di vino che ha reso famosa la regione di Vrancea in tutto il mondo è la Galbena di Odobești, amata dai grandi boiardi dell’epoca. Poiché è una varietà esigente, vulnerabile alle malattie e difficile da mantenere, i viticoltori di Vrancea hanno gradualmente abbandonato la Galbena di Odobești, oggi coltivata solo su 150 ettari.

  1. Murfatlar

La zona vitivinicola di Murfatlar si estende su una superficie di circa 2.600 ettari e la sua storia inizia nel 1907, quando furono piantate sperimentalmente varietà di uva come Chardonnay, Pinot Gris, Pinot Noir e Muscat Ottonel, vicino al Mar Nero. Grazie al successo di queste varietà, la viticoltura ha iniziato a crescere nella regione e nel 1943 è stata fondata la Stazione Sperimentale Vitivinicola di Murfatlar. I loro vini si sono estesi e hanno incluso varietà di uva come Sauvignon Blanc, Muscat Ottonel, Cabernet Sauvignon e Merlot.

  1. Grande Collina

La Podgoria Dealu Mare è uno dei simboli della viticoltura rumena, particolarmente apprezzata per i suoi vitigni di vino rosso. Situata nella zona collinare dei Carpazi, la podgoria si estende su una superficie di 14.500 ettari. I vini rossi più noti di questa podgoria sono Cabernet Sauvignon, Fetească Neagră, Pinot Noir e Merlot.

I viticoltori sostengono che il sole sia presente in questa zona per 14 giorni in più rispetto al resto del paese, il che conferisce maggiori aromi al vino.

  1. Panciu

La Podgoria Panciu si estende su una superficie di circa 10.000 ettari ed è a sua volta una delle più conosciute della Romania.

Essendo situata in una zona temperata, i suoi vini, sia bianchi che rossi, acquisiscono un aroma particolare.

Attualmente, la Podgoria Panciu è specializzata nella produzione di vini bianchi secchi, utilizzati per ottenere vini spumanti.

I vini della podgoria Panciu sono realizzati sia con vitigni autoctoni (Plăvaie, Galbenă, Băbească Fetească Albă e Fetească Neagră), che con vitigni di importazione (Fetească Regală, Riesling italiano, Aligoté, Sauvignon, Muscat Ottonel, Pinot Noir e Merlot).

  1. Târnavelor

Podgoria Târnavelor è la più grande della Transilvania, la coltivazione della vite su queste terre è una tradizione millenaria. La prima attestazione dei vigneti qui risale al 1283. Le scoperte archeologiche, i documenti storici e gli oggetti specifici della viticoltura e della vinificazione testimoniano la lunga tradizione di questa zona.

I vigneti della Podgoria Târnavelor occupano oltre 1000 ettari e i vini prodotti qui sono: Fetească Regală, Riesling, Savignon Blanc, Muscat Ottonel, Fetească Albă, Traminer, Chardonnay, Pinot Gris e Ezerfrut.

  1. Sarica Niculițel

È una delle più antiche podgorie della Dobrogea, estesa su 400 ettari di terreno ed è il fornitore ufficiale della Casa Reale di Romania.

La Podgoria Sarica Niculițel contiene selezioni nobili di uve, tra cui: Aligote, Sauvignon Blanc, Riesling del Reno, Fetească Albă, Fetească Regală, Chardonnay, Pinot Gris, Muscat Ottonel, Fetească Neagră, Pinot Noir, Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah.

Negli anni, le selezioni di uve hanno vinto numerosi premi in competizioni internazionali e nazionali.

  1. Sâmburești

La Podgoria Sâmburești è attestata fin dai tempi del principe Mihai Viteazul e, nel corso della storia, è stata di proprietà di importanti famiglie nobili. Dei 500 ettari in cui si estende la podgoria, più della metà sono reimpiantati con le selezioni di uve più pregiate, importate dalla Francia e coltivate nelle migliori condizioni in Romania.

Il terroir di Sâmburești è favorevole ai vini rossi, con un terreno mineralizzato adatto a un vino forte, una esposizione solare ideale e temperature adeguate.

Tra i vini più conosciuti prodotti qui ci sono: Cabernet Sauvignon, Merlot, Brungund e Feteasca Neagră de Sâmburel de Olt.

  1. Huși

La Podgoria Huși è uno dei maggiori centri vitivinicoli della Romania. Risale all’epoca di Alexandru cel Bun (1415) e di Ștefan cel Mare, quest’ultimo che qui ha costruito una corte domenicale, una chiesa e una cantina che sono ancora celebri. Situata nella parte sud-orientale del Plateau Centrale Moldave, completata da un clima fresco e suoli nutritivi, la Podgoria Huși copre una superficie di 3000 ettari, di una bellezza sorprendente, ideale per la coltivazione di selezioni di uve di prestigio.

Qui troviamo selezioni antiche e di grande valore, come la Zghihara de Huși, la Feteasca Regală, la Busuioaca de Bohotin, la Feteasca Albă, insieme a selezioni internazionali, come l’Aligote, il Sauvignon Blanc, il Traminer, il Cabernet Sauvignon.

  1. Cotești

La storia della Podgoria Cotești è strettamente legata alla storia della Podgoria Odobești, dalla quale è separata dal fiume Milcov, il confine naturale che separava la Moldavia dalla Valacchia.

Le selezioni di uve coltivate nella Podgoria Cotești sono: Cabernet Sauvignon, Fetească neagră, Merlot, Sauvignon Blanc, Tămâioasă românească.